La digital health promuove nuovi ecosistemi e volano gli investimenti nelle start-up a oltre 18 mld $ (+56%)

No Comments 242 Views0


Le opportunità della digital health e lo sviluppo di un ecosistema dell’health innovation sono stati i temi principali dell’evento Frontiers Health at Milano Digital Week: Living the New Ecosystem, organizzato da BNP Paribas Cardif ed Healthware in occasione della #MilanoDigitalWeek.

Grandi aziende, start-up, istituzioni, investitori, medici e farmacisti sono i protagonisti del nuovo ecosistema che promuove la prevenzione, la salute e la cultura del benessere delle persone e genera valore per il business.

Televisite, terapie digitali, robotica medica, App per il benessere, intelligenza artificiale: anche il mondo della salute sta vivendo una nuova era digitale. Le tecnologie non solo stanno cambiando radicalmente le abitudini delle persone nel modo di approcciarsi alle cure, ma stanno promuovendo la creazione di un nuovo ecosistema dove grandi aziende, start-up, istituzioni, investitori, medici, farmacisti e altri stakeholder collaborano con un unico obiettivo: promuovere la prevenzione, la salute e la cultura del benessere. Un tema di cui si è parlato molto anche all’evento “Frontiers Health at Milano Digital Week: Living the New Ecosystem” dello scorso 15 marzo, organizzato da BNP Paribas Cardif, tra le prime dieci compagnie assicurative in Italia[1], e Healthware Group, tra le più importanti società di consulenza in digital health. Combinare l’esperienza, il networking e la contaminazione tra i diversi player dell’ecosistema, è da sempre la vocazione degli eventi Frontiers Health, che da ormai cinque anni ha creato una community globale di innovatori della salute, di cui Healthware è fiera di far parte.

La digital health ha un ruolo chiave in questo processo di trasformazione. Cambiano i modelli di riferimento, gli obiettivi, le attese, più in generale la visione. Nel mondo assicurativo, dove si è passati dal mero risarcimento economico del sinistro al più alto concetto della prevenzione e riduzione del danno, le tecnologie offrono l’opportunità di sviluppare polizze di nuova generazione con servizi innovativi e assistenza, e una customer experience che punta su velocità, flessibilità e facilità d’uso. Con questo obiettivo BNP Paribas Cardif ha iniziato anni fa un percorso di Open Innovation creando un nuovo modello di sourcing e integrazione di start-up Insurtech innovativo ed efficace. Una “contaminazione” che ha portato, ad esempio, alla collaborazione con Healthware Group, per sviluppare un nuovo prodotto salute innovativo e digitale, e a quella con D-Hearth, che grazie a Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif ha potuto lanciare sul mercato il primo dispositivo per smartphone per eseguire un ECG in autonomia, con referto immediato del medico.

Questo nuovo ecosistema dell’health innovation ha già dimostrato di poter generare valore: secondo i dati mostrati nel corso dell’evento, da gennaio a ottobre del 2018 sono stati investiti nelle start-up di Digital Health oltre 18 miliardi di dollari[2], con un valore in crescita del +56% rispetto allo stesso periodo del 2017. In 5 anni sono stati raccolti in media ben 45 miliardi di dollari di venture capital nelle start-up di digital health, un dato che si avvicina al livello di investimento che si registra nel settore dei farmaci. E nel 2024 il valore globale di questo mercato potrebbe raggiungere circa 400 miliardi di dollari.  Tra i principali trend si segnalano le terapie digitali, con una stima di crescita media annua entro il 2023 di circa il +30%[3], l’Intelligenza Artificiale e la riduzione delle barriere tra uomo e macchina.

“Il settore della salute ha iniziato una radicale trasformazione digitale come, e forse più, di quanto visto in altre industrie negli ultimi anni. Quella della digital health rappresenta una vera e propria rivoluzione perché permetterà a tutti i player del settore di ridisegnare i processi di produzione ed erogazione di servizi e le modalità di fruizione della salute per i suoi utenti. La presenza degli health insurers nell’ecosistema della salute faciliterà l’accesso alla cura e incentiverà comportamenti preventivi”, ha affermato Roberto Ascione, CEO & Founder di Healthware Group.

“Abbiamo avuto conferma della sostenibilità di questo nuovo ecosistema in una nostra recente ricerca sulla salute. I pazienti sono sempre più 4.0: il 77% usa già la tecnologia per la cura del proprio benessere e il 55% è disposto a condividere i propri dati sanitari tramite device con gli interlocutori del settore e con le compagnie assicurative. Una fiducia che ci consente di riappropriarci del nostro ruolo sociale, insieme a eccellenze della digital health e altri player del mondo salute, rendendo i prodotti più accessibili e sensibilizzando le persone alla prevenzione e alla cura del loro benessere.” ha affermato Isabella Fumagalli, Head of Territory for Insurance in Italy di BNP Paribas Cardif.

L’incontro milanese all’interno della Milano Digital Week è stato un appuntamento speciale di Frontiers Health, l’evento più importante in Europa in tema di innovazione digitale in ambito salute che si tiene a Berlino ogni anno, nel mese di novembre. All’evento hanno partecipato Roberto Ascione – CEO Healthware Group & Frontiers Health Chairman, Isabella Fumagalli – Head of Territory for Insurance in Italy di BNP Paribas Cardif, Andrea Veltri – Deputy CEO, BNP Paribas Cardif, Matteo Penzo – Co-founder, Frontiers Conferences, PierPaolo Iagulli – Product Factory Directory, Healthware Ventures, Francesca Olivo – Strategy & Customer Manager, EY Advisory, Nicolò Briante – CEO & Co-founder, D-Heart, Sebastian Gruber – Co-Founder & CEO, hi.health, Dario Guido – Head of Medical Division, Samsung Medical, Claudia Molteni – Customer Experience & Commercial Innovation, Roche.

______________________________________

[1] Classifica ANIA 2017

[2] Fonte DigitalHealth.Network

[3] Fonte Frost & Sullivan

 

Elliott, The Dallas fresh, Found the going tough until late in to fourth quarter. Well later, The NFL leading rusher with the non-stop churning legs buried Pittsburgh. His first landing, A 14 yard dash down the best sideline, This Cowboys up 29 24 Kwon Alexander jersey. Patriots coach Bill Belichick said all three players would be assessed, But chiefly referred to Mayo injury as little bittersweet. Brady is two 300 yard passing games shy of complementing Brett Favre total. It has also been Brady 16th career game with four or more touchdowns and no interceptions. Provide much more competitive than it was out there, Belichick thought. Give to them credit, They did a bit more than we did tonight. We got to do a more satisfactory job, But I not implementing anything away from them reggie nelson jersey. A sixth year NFC snug end, Granted anonymity in order to speak freely regarding the subject, Said that short arming passes or seeking safe haven out of bounds to reduce contact happens the time and someone says they lying. Vikings attacking lineman Jeremiah Sirles calls it smart football. The person in Year 8 or 9, And you running down the part time, But(Seattle Seahawks cover) Kam Chancellor racing at you, What those extra 2 yards investing in a just stepping out of bounds and avoiding a huge collision? Sirles stated.I explain to you this I a black man, As well as, You are sure that, Colin Kaepernick, He not schokohrrutige, Okay? Harrison understood. Cannot determine what I face and what other young black men and black people face or people of color face on an every single[day] Agreement rashad jennings jersey. Birth sister is white, And he was applied and raised by white parents.. I felt it would definitely be a public safety issue we would cancel it, But at this moment I think we be fine for tomorrow custom chiefs jersey. You about to attend the parade, Mayor Walsh said to leave early and have plenty of travel time. Law enforcement will be enforcing this rule devante parker jersey..