narrAZIONI: dall’incontro della Drammaterapia Integrata con gli strumenti digitali nasce una nuova metodologia di progettazione e utilizzo delle Arti Terapie in ambito clinico. Il libro di Sandra Pierpaoli racconta la nuova sfida metodologica.

No Comments 352 Views0


Un progetto ambizioso e articolato, quello che da anni porta avanti Sandra Pierpaoli, psicologa, psicoterapeuta e artiterapeuta, che da sempre ha creduto nell’importanza della creatività come risorsa e metodologia di cura. Un concetto che negli ultimi anni, con la maggiore diffusione in ambito sanitario dell’umanizzazione delle cure, ha coinvolto sempre più esperti e professionisti della salute e del benessere. L’esperienza del Covid-19 ha poi rappresentato un considerevole aumento delle prestazioni e degli eventi erogati attraverso gli strumenti online. Da qui nasce l’incontro della Drammaterapia Integrata, una metodologia ampiamente sperimentata dall’autrice in percorsi e laboratori in presenza, con il digitale : una sfida non indifferente, vista la centralità del coinvolgimento corporeo ed emozionale. In questo libro, Sandra Pierpaoli racconta e descrive una specifica metodologia di osservazione nella ricerca effettuata in occasione di studi pilota con pazienti oncologici, nelle malattie reumatologiche e rare, e nella procreazione medicalmente assistita.

 

“Il percorso che mi ha portato a scrivere questo testo inizia da lontano, nel cammino sono molte le persone che hanno contribuito alla sua gestazione e al suo sviluppo – racconta Sandra Pierpaoli – La Drammaterapia Integrata è uno strumento che permette di accedere tanto al potenziale creativo che alle memorie e ai vissuti traumatici, promuovendo il dialogo tra queste due parti, nella ricerca di un completamento reciproco, attraverso il quale vivere, crescere, guarire e a volte morire, più pienamente e più consapevolmente”

Ma come trasportare un’esperienza ad alto coinvolgimento corporeo in una dimensione digitale?

L’occasione si è concretizzata grazie a DNM, una PMI innovativa, attiva nell’area della medicina narrativa digitale e del supporto psicologico online, fondata dall’antropologa Cristina Cenci. Cenci scrive: ““Il passaggio dall’analogico al digitale richiede un’innovazione anche nelle modalità di supporto psicologico. Non è sufficiente sostituire l’incontro faccia a faccia con la videochat. Il cambio di setting determina infatti un cambiamento del rituale terapeutico che va problematizzato e innovato. La sfida che stiamo portando avanti è quella di capire come valorizzare l’interazione corporea in un contesto apparentemente senza corpo, come quello digitale”.

Le numerose e variegate esperienze descritte nel libro, oltre a trattare ampiamente l’applicazione della Drammaterapia Integrata nel campo della clinica, si estendono anche agli ambiti dell’educazione e della formazione, dove si aprono all’incontro e all’integrazione con altre metodologie innovative, come l’Artigianato Artistico Educativo e Construction & Therapy, permettendo al lettore di ampliare lo sguardo nella direzione di un utilizzo trasversale del metodo, oltre agli spazi dedicati al linguaggio creativo, poetico e iconico, di chi ha sperimentato percorsi metaforici di Drammaterapia Integrata in gruppo o individualmente.

L’approccio, che si basa sulla valorizzazione della relazione di cura e sull’impatto positivo che i linguaggi artistici hanno sulla promozione, il mantenimento e la gestione della salute, rappresenta quindi uno strumento prezioso e utile, non solo per quanti operano nel settore sanitario e/o educativo e/o artistico, ma anche per un ampio bacino di utenza, che si trova a fronteggiare il disagio, sia dal punto di vista psicologico, sia fisico.

Un testo che può dunque rappresentare, sia per gli operatori che per gli utenti, un’occasione di conoscenza, di riflessione e di approfondimento di una metodologia, che va ben oltre la facile improvvisazione, e che propone una visione trasformativa tanto della sofferenza e della malattia, che della relazione educativa e terapeutica.

 

Elliott, The Dallas fresh, Found the going tough until late in to fourth quarter. Well later, The NFL leading rusher with the non-stop churning legs buried Pittsburgh. His first landing, A 14 yard dash down the best sideline, This Cowboys up 29 24 Kwon Alexander jersey. Patriots coach Bill Belichick said all three players would be assessed, But chiefly referred to Mayo injury as little bittersweet. Brady is two 300 yard passing games shy of complementing Brett Favre total. It has also been Brady 16th career game with four or more touchdowns and no interceptions. Provide much more competitive than it was out there, Belichick thought. Give to them credit, They did a bit more than we did tonight. We got to do a more satisfactory job, But I not implementing anything away from them reggie nelson jersey. A sixth year NFC snug end, Granted anonymity in order to speak freely regarding the subject, Said that short arming passes or seeking safe haven out of bounds to reduce contact happens the time and someone says they lying. Vikings attacking lineman Jeremiah Sirles calls it smart football. The person in Year 8 or 9, And you running down the part time, But(Seattle Seahawks cover) Kam Chancellor racing at you, What those extra 2 yards investing in a just stepping out of bounds and avoiding a huge collision? Sirles stated.I explain to you this I a black man, As well as, You are sure that, Colin Kaepernick, He not schokohrrutige, Okay? Harrison understood. Cannot determine what I face and what other young black men and black people face or people of color face on an every single[day] Agreement rashad jennings jersey. Birth sister is white, And he was applied and raised by white parents.. I felt it would definitely be a public safety issue we would cancel it, But at this moment I think we be fine for tomorrow custom chiefs jersey. You about to attend the parade, Mayor Walsh said to leave early and have plenty of travel time. Law enforcement will be enforcing this rule devante parker jersey..