Tumore, fenomeno blog terapia. Condividere sul web esperienze, drammi e successi

1 Comment 1955 Views0


La  scrittura offre diversi vantaggi: si scambiano informazioni con altri pazienti, si può scegliere l’anonimato, il testo si può modificare e una volta pubblicato rimane in rete per sempre. Il rischio è di “essere travolti dalle emozioni”

 

Immagine

 

Articolo di Irma D’Aria su La Repubblica

Bastano venti minuti di scrittura ogni giorno per vedere con occhi nuovi e accettare meglio il tumore. Mettere nero su bianco le proprie esperienze e condividerle con gli altri (spesso sconosciuti) può avere un effetto terapeutico. A dirlo sono numerosi studi tra cui quello realizzato presso il Lombardi Comprehensive Cancer Center dell’Ospedale di Georgetown e pubblicato sulla rivista Oncology. La ricerca ha analizzato gli effetti fisici e psicologici della scrittura espressiva su un gruppo di pazienti oncologici. Il 49% dei partecipanti ha dichiarato che dopo l’esercizio di scrittura aveva modificato completamente il modo in cui pensava alla malattia mentre il 35% aveva cambiato le emozioni che provava rispetto al tumore che lo colpiva. Per alcuni questa esperienza è stata anche di stimolo a modificare il proprio modo di vivere la malattia cercando di non rinunciare ad una qualità della vita soddisfacente, nonostante tutto.

Voglia di condividere

Ma cosa spinge una persona colpita dal cancro a raccontare ad un pubblico potenzialmente infinito i fatti propri? “Le motivazioni sono plurime. In primo luogo, c’è la voglia di condividere la propria esperienza piuttosto che tenerla per sé o per l’area ristretta di amici e parenti”, spiega Paolo Gritti, presidente della Società Italiana di Psico-oncologia (SIPO). “Anzi, proprio il fatto di rivolgersi ad utenti anonimi spesso facilita la condivisione di emozioni che non si avrebbe magari il coraggio di svelare a chi ci sta più vicino”. E poi i blog ha il grande vantaggio dell’immediatezza. “La scrittura online intercetta il bisogno immediato di ricostruzione del vissuto e in particolare nel caso del cancro perché è un evento che arriva inaspettatamente, invade e sconvolge la vita delle persone”, aggiunge Lucia Caligiani, psicoterapeuta e coordinatore regionale di psico-oncologia presso la Asl 10 di Firenze. “Con il blog c’è un accesso immediato al bisogno di narrare a qualcun altro che dà a chi scrive una sensazione altrettanto immediata di liberazione. Dal punto di vista psico-analitico, è che come avere un seno sempre pronto al soddisfacimento del bisogno di narrare”, prosegue l’esperta.

L’anonimato rende liberi

Rispetto al parlato, la scrittura offre alcuni vantaggi. In primo luogo, c’è più tempo per riflettere e si può modificare una frase scritta senza alcun problema, si può scegliere l’anonimato e poi è qualcosa che resta lì, nella rete, e può essere letta in qualsiasi momento, anche a distanza di anni. Insomma, sfogarsi sulla tastiera rende tutti più liberi e senza filtri perché dall’altra parte non ci sono occhi che ci guardano ma persone che neppure vediamo e che non conosciamo. Non a caso, molti dei “blogger cancer” scelgono un nickname. continua a leggere

Elliott, The Dallas fresh, Found the going tough until late in to fourth quarter. Well later, The NFL leading rusher with the non-stop churning legs buried Pittsburgh. His first landing, A 14 yard dash down the best sideline, This Cowboys up 29 24 Kwon Alexander jersey. Patriots coach Bill Belichick said all three players would be assessed, But chiefly referred to Mayo injury as little bittersweet. Brady is two 300 yard passing games shy of complementing Brett Favre total. It has also been Brady 16th career game with four or more touchdowns and no interceptions. Provide much more competitive than it was out there, Belichick thought. Give to them credit, They did a bit more than we did tonight. We got to do a more satisfactory job, But I not implementing anything away from them reggie nelson jersey. A sixth year NFC snug end, Granted anonymity in order to speak freely regarding the subject, Said that short arming passes or seeking safe haven out of bounds to reduce contact happens the time and someone says they lying. Vikings attacking lineman Jeremiah Sirles calls it smart football. The person in Year 8 or 9, And you running down the part time, But(Seattle Seahawks cover) Kam Chancellor racing at you, What those extra 2 yards investing in a just stepping out of bounds and avoiding a huge collision? Sirles stated.I explain to you this I a black man, As well as, You are sure that, Colin Kaepernick, He not schokohrrutige, Okay? Harrison understood. Cannot determine what I face and what other young black men and black people face or people of color face on an every single[day] Agreement rashad jennings jersey. Birth sister is white, And he was applied and raised by white parents.. I felt it would definitely be a public safety issue we would cancel it, But at this moment I think we be fine for tomorrow custom chiefs jersey. You about to attend the parade, Mayor Walsh said to leave early and have plenty of travel time. Law enforcement will be enforcing this rule devante parker jersey..